Auto e Moto d'Epoca 2017

lunedì 7 luglio 2014

Ortler Classic Run - un' Audi, 7 passi Alpini e tanto divertimento!!!



Chi non ha mai desiderato percorrere i passi alpini?
Chi non ha mai sentito come leggendari nomi tipo: Mendola, Tonale, Bernina e Stelvio, se poi ne aggiungiamo altri tre: Forcola, Eira e Foscagno raggiungiamo gli oltre 10000m di dislivello, il tutto in soli 350 chilometri, con paesaggi stupendi in mezzo alla natura e la tranquillità di fare una gita con qualche domanda come prova per non far dormire il navigatore ed un'occhiata al cronometro perchè i tempi sono un pò tirati.
Tutto questo è l' Ortler Classic Run, organizzato dal Garage61 di Appiano vicino a Bolzano e giunto alla sua terza edizione, svoltasi tra le montagne dell'Alto-Adige, la Lombardia e la Svizzera nella giornata di ieri 6 Luglio.

L'unica nota negativa...la partenza alle 6 di mattina, ma un piccolo sacrificio lo si deve almeno fare ed il sonno in ogni caso sparisce quando ci si trova per colazione alle 5,30 nella sede del Garage61 , perchè di fronte a tante belle auto, da un' Auto Union Audi 100 coupè S, PERFETTA, non potevo non partire da Lei, ad un'Alfa Romeo Montreal, passando per una moderna Mercedes SLS e spaziando con lo sguardo ai manifesti, insegne ed ogni sorta di memorabilia, il cervello si sveglia e sobbalza ad ogni occhiata. 



Se poi passiamo alle auto dei partecipanti anche in questo caso abbiamo delle belle sorprese, una splendida Lancia Aprilia Touring superleggera del 1938 apre le danze, passando per una Porsche 911 RS becco d'oca, varie Porsche 911, qualche Alfa Romeo ed una Mercedes 190 "codine" anni '60 di un altro equipaggio vicentino, si arriva alle "moderne" ed è un tripudio tra Mercedes SL, Porsche 944 cabrio, vari BMW e qualche Audi, due ur-quattro in rappresentanza dell' ur-quattro Club Italia, una TT cabrio mk1 "privata" e le nostre RS4 b5 del 2001 della Scuderia Magnagati e TT mk2.









Da sottolineare la presenza appunto delle moderne, veramente molte o come si usa definirle "youngtimer", vetture a mio avviso importantissime perchè nella maggior parte dei casi vengono bistrattate dalle competizioni di regolarità ma che in realtà sono il primo modo per avvicinarsi alla materia soprattutto per chi ci inciampa percaso.





Nelle prime righe abbiamo già detto il succo del finesettimana, cioè tanti chilometri, alla fine da Vicenza saranno oltre 900 fatti praticamente nel giro di 24 ore, partenza nel pomeriggio di sabato per arrivare a Mendola e dormire al Panorama Hotel Penegal, ancora più in alto del passo, luogo sicurmente bellissimo, se non vi fossimo giunti di notte e ripartiti, di fatto, sempre di notte.
La sveglia infatti è suonata alle 3,50 perchè l'alloggio non era proprio nei pressi del punto di ritrovo...anzi e così ci siamo giocati qualche altra mezz'ora di sonno che nell'arco della giornata chi guidava sicuramente non ha mai recuperato.
Il percorso, è stato molto interessante ed ha permesso di percorrere strade che si sentono spesso solo nominare, la temperatura è sempre stata ottima, il sole durante tutta la giornata ha brillato incessantemente ed ha così permesso di apprezzare ancora di più il panorama, le vallate verdi e le rocce scavate dalla neve e dalla pioggia, i chilometri sono così corsi via senza fatica e le brevi ma utili pause hanno permesso di spezzare il ritmo e di sgranchirsi le gambe.








Da sottolineare il fatto che siamo riusciti anche ad incontrare dei "colleghi" salendo sullo Stelvio infatti abbiamo incrociato i membri dell'ACI Slovacco che per il loro tour europeo avevano scelto anche queste stupende strade.












La giornata è così passata in fretta, tra le strade deserte alle 7 di mattina del passo del Tonale ed il paesaggio lunare del Bernina, con la passeggiata ristoratrice a Livigno e le gallerie strettissime dello Stelvio per poi finire il tutto tra i festeggiamenti alla Forst di Merano sì i festeggiamenti perchè alla sua prima partecipazione Enrico ed Angelica l'altro equipaggio del Club, impegnati con un' Audi TT mk2 hanno vinto sbaragliando la concorrenza!









Insomma una bella giornata che ci ha fatto sentire i Jeremy Clarkson e Richard Hammond della situazione, so già che qualcuno ha già bisbigliato "...magari più Capitan Lento!", sicuramente un evento ben organizzato dalla Garage61 a cui partecipare di nuovo e che sarebbe bello poter riproporre con la stessa formula anche nel nostro territorio.

Nessun commento:

Posta un commento